Cerca
  • Alessandro Mariotti Osteopata

Differenze tra Osteopata e Fisioterapista


Una domanda che le persone mi rivolgono spesso dopo essermi presentato come osteopata è: quale differenza c’è tra un osteopata e un fisioterapista?

Per questo motivo oggi cercherò di mettere in luce i punti in comune e cosa li differenzia.

Il fisioterapista focalizza maggiormente il proprio trattamento sulle zone interessate dal dolore con l’obiettivo di ripristinare l’area che presenta la sintomatologia, lavorando nella maggior parte dei casi con protocolli specifici per la problematiche che il paziente si presenta.


L’osteopata invece, tende a considerare il paziente nella sua globalità andando a ricercare la causa, la quale può differire dalla zona dove si localizza il sintomo. Ad esempio per un dolore alla spalla potrebbe trattare altre zone come quella cervicale o diaframmatica, nel caso le percepisse come disfunzioni somatiche primarie, ovvero cause del dolore.


Oltre al modus operandi altre differenze esistono a livello formativo, infatti il fisioterapista è un operatore sanitario in possesso di laurea universitaria triennale, mentre l’osteopata è un professionista sanitario che svolge un percorso di 5 o 6 anni in istituti formativi poiché a causa del lungo iter burocratico del riconoscimento non è ancora stato inserito nella facoltà universitaria.


Proprio per quanto scritto, se vi affidate ad un osteopata dovreste chiedere quanti anni di corso formativo ha svolto, tenendo a mente che un percorso formativo completo non dovrebbe essere inferiore ai 5 anni.


In conclusione possiamo dire che sia l’osteopata che il fisioterapista sono due professionisti sanitaria che svolgono terapia manuale allo scopo del benessere del paziente, ma con mezzi diversi, entrambi efficaci e sicuri.

Può essere che a seconda dei singoli casi e problematiche sia più opportuno rivolgersi ad una figura piuttosto che all’altra, ma in molti casi sono terapie complementari l’una all’altra che possono agire in sinergia per risolvere una determinata problematica.



Post recenti

Mostra tutti

Il Parkinson è una malattia neurodegenerativa, ad evoluzione lenta ma progressiva, che coinvolge, principalmente, alcune funzioni quali il controllo dei movimenti e dell’equilibrio. In Italia si stima