Domande frequenti

Quali sono le domande poste più frequentemente (FAQ) riguardo l'osteopatia o l'osteopata? 

Ho provato per voi a rispondere ad alcuni dei quesiti più frequenti che mi vengono posti dai pazienti o dalle persone che sono semplicemente curiose di saperne di più, ma che si sentono frenate dai motivi più svariati. Spero di esservi d'aiuto, nel caso di ulteriori dubbi che non sono specificati, non esitate a contattarmi.

L'osteopatia  é sicura?

L’osteopatia eseguita da un operatore qualificato è una pratica sicura, non ha particolari controindicazioni non essendo invasiva e non facendo uso di farmaci

Come riconosco un osteopata qualificato?

Purtroppo in Italia non essendo regolamentata la figuradell'osteopata, possono esserci alcuni osteopati in circolazione che pur avendo fatto corsi brevi e di dubbia qualità possono farsi chiamare con questo titolo. Gli osteopati qualificati sono iscritti al ROI ( Registro degli Osteopati d'Italia) che richiede come requisito che l'osteopata sia stato formato rispettando criteri standard europei. Peronalmente sono iscritto a tale registro come membro ROI n°5607

In quali casi mi rivolgo all'osteopata?

Tutti possono andare dall'osteopata: dai neonati agli anziani, dalle donne in gravidanza alle persone con patologie croniche. L'osteopata qualificato ha studiato per trattare le persone le persone in svariate situazioni adattando il trattamento ad personam.

Quanto dura una seduta osteopatica?

Il trattamento osteopatico ha una durata variabile tra i 30 e i 60 minuti a seconda dei casi, ad esempio se si tratta di una prima visita in cui bisogna esporre per la prima volta il proprio caso ci vorrà più tempo.

Quante sedute sono necessarie dall'osteopata?

Il numero di trattamenti necessario dipende dalla condizione e dalla patologia per la quale la persona viene trattata, ne consegue che non c'è un numero predefinito di trattamenti ai quali il paziente si dovrebbe sottoporre. Generalmente problemi che si sono presentati di recente si risolvono velocemente da uno a tre trattamenti, condizioni più croniche richiedono maggior tempo di risposta. L'osteopata discuterà la situazione individuale del paziente al suo primo appuntamento svolte.

E' possibile ricorrere all’ osteopatia insieme ad altre terapie?

L'osteopatia può essere utilizzata come unica terapia (in virtù della sua scarsità di effetti collaterali) oppure essere affiancata alle normali terapie convenzionali o ad altri trattamenti.

Quanto tempo deve passare tra passare tra un trattamento osteopatico e l'altro?

La frequenza è molto variabile, e dipende a seconda dei casi. Ad esempio, in un caso di infiammazione acuta il paziente, proprio perché molto dolente, potrebbe ricevere il trattamento in due sedute a distanza di 2-3 giorni. Invece, un paziente che va dall'osteopata a scopo preventivo, può effettuare un trattamento osteopatico una volta al mese.

L'effetto del trattamento è immediato?

Dipende dalla problematica. In alcuni casi l'effetto del trattamento può essere immediato, soprattutto quando la causa coincide con la disfunzione somatica. In altri casi all'interno del corpo si sono instaurati meccanismi che hanno bisogno di tempo o più stimoli per essere corretti.

L’osteopatia cura l’osteoporosi?

NO. L'osteoporosi nonostante abbia un nome simile all'osteopatia è una malattia degenerativa che anche se non pone controindicazioni al trattamento nulla c'entra con l'osteopatia e va trattata esclusivamente da un punto di vista medico.

L’osteopata prescrive farmaci?

NO. L'osteopata non prescrive farmaci. La prescrizione di farmaci è di esclusiva competenza medica. 

L'osteopatia è regolamentata in Italia?

Sì, è stata approvata a gennaio 2018 la legge n.3 entrata in vigore dal 15 febbraio 2018 che riconosce l’osteopatia come professione sanitaria. Ad oggi si attendono i decreti attuativi della legge, quelli che andranno a definire l'ambito di attività e le funzioni caratterizzanti la professione osteopatica, i criteri di valutazione dell'esperienza professionale nonché i criteri per il riconoscimento dei titoli equipollenti e, infine, la definizione dei relativi ordinamenti didattici della formazione universitaria.

L’osteopatia agisce solo su disturbi di ossa e muscoli?

L'osteopatia non agisce solo su disturbi muscolo-scheletrici, ma può agire anche su disturbi viscerali, mal di testa, colpi di frusta, stress, ansia, e molti altri disturbi.